Scritto il alle 14:06 da [email protected]

>CAMPARI: DA MONITORARE AREA 5,35-5,5,SOLO RITORNI AL DI SOPRA DEI 6 EURO DAREBBERO NUOVA FORZA AL TITOLO

Situazione delicata per il titolo Campari,che si trova dalla fine di novembre 2012 a lottare strenuamente tra la tenuta del supporto posto in area 5,35-5,5 e la resistenza in area 5,9-6 euro.



Gli indicatori però indicano(a meno di ritorni sopra i 6 euro)che  la situazione si sta via via deteriorando.

Molto pericoloso sarebbe il cedimento di area 5,35-5,5,che confermerebbe lo scenario negativo,con possibilità di raggiungere velocemente area 4,5 – 4,8  euro.

Solo sotto quest’ultima area si assisterebbe ad una inversione ribassista sul titolo(al momento davvero lontana),rimanendo neutrale invece in caso di cedimento di 5,35-5,5.

Ricordo che ritorni al di sopra di area 6 invece sarebbero da considerare molto positivamente.


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
1 commento Commenta
manicomio
Scritto il 28 febbraio 2013 at 15:42

>ora e' sopra i 6 6,05 direi che e' giusto incrementare a questi livelli . che pensi ?

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta