Scritto il alle 12:49 da [email protected]

>
ENI: IL TEST DI AREA 19,4-19,7 FATALE PER IL TITOLO,MA FINO A QUANDO RIMANE SOPRA 17-17,5 IL TITOLO RIMANE POSITIVO DI MEDIO PERIODO

Come potete vedere dal grafico allegato,Eni ha interrotto il recupero esattamente al test di area 19,4-19,7,dove transitavano importanti livelli di resistenza,molto difficili da superare al primo impatto.

Perchè la situazione rimanesse positiva,lasciando inalterate le possibilità di riprovare il break della resistenza,serviva rimanere sopra l’importante area di supporto posta in area 18,6-18,7,livello che ha costituito una forte barriera nel periodo giugno 2008-dicembre 2012,testata ben 5 volte e mai superata(fino a fine dicembre 2012).



Le drammatiche news provenienti da Saipem(di cui Eni possiede un pacchetto importante)oggi hanno innescato un gap down davvero notevole(19,31 il close di ieri),con apertura subito in prossimità della ema a 25 weekly,che ha offerto una buona possibilità di fare un gain intraday.


Il mancato recupero però di area 18,7 in close però allontana ogni possibilità di tornare sui massimi nel breve,mettendo le basi per un ulteriore indebolimento del titolo.

I livelli di supporto sono 18-18,2(già testati oggi) e poi l’ampia area posta tra 17-17,5.

Fino a quando quest’ultima reggerà i prezzi,il titolo rimarrà comunque positivo nel medio.




VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta