Scritto il alle 16:14 da [email protected]

>UPDATE UNIPOL: RAGGIUNTA LA PARETE INFERIORE DEL CANALE RIBASSISTA DI LUNGO


In data 3 gennaio proprio su questo blog,esattamente qui , vi avevo segnalato il titolo Unipol.
In quel momento eravamo sugli 1,55 euro, e avevo evidenziato come si potesse puntare su un recupero deciso del titolo,con uno stop loss davvero strettissimo,con obiettivo dapprima area 1,7 e successivamente verso la parte inferiore del canalone ribassista che ha accompagnato il titolo fino all’estate 2012,salvo poi essere ceduto violentemente al ribasso.




Il movimento di recupero,come potete notare,si è arrestato per il momento esattamente sul preciso pullback di quella trend.

Fino a quando area 2 farà da supporto,non sono esclusi nuovi tentativi di test.
In ogni caso fino a quando 1,8-1,9 reggeranno non bisognerà preoccuparsi,nonostante la situazione di lunga rimanga sempre al ribasso.

Solo un rientro nel canale visibile sul grafico neutralizzerebbe il quadro tecnico,allontanando ogni possibilità di vedere nuovi minimi.


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta