>UPDATE UNIPOL: CHE SIA LA VOLTA BUONA PER UN RECUPERO DAVVERO IMPORTANTE PER IL TITOLO???

Scritto il alle 19:30 da [email protected]

>Abbiamo parlato più volte del titolo Unipol su Diario di un trader, sin da quando lo scorso 3 gennaio, in uno dei primi post del nostro blog – vedi qui , ne consigliammo caldamente l’acquisto, quando si era sugli 1,55 euro, con l’obiettivo di andare a testare la  parete inferiore del canalone discendente che ne aveva accompagnato il trend ribassista, ceduto al ribasso nell’estate 2012.



Come potete vedere dai grafici che alleghiamo, daily e weekly, Unipol in poco meno di 4 settimane dal nostro articolo, passò da 1,55 a poco sopra 2,2 euro, con una performance di oltre il 40%.
Poi a inizio febbraio, proprio perchè vi fu il test di questa trend inferiore, consigliammo di uscire, poichè difficilmente quantomeno al primo impatto si sarebbe potuta violare al rialzo.
E infatti cosi è stato.

Ora però torniamo a fare un update un pò più importante, in ottica di medio lungo periodo, perchè, complici i dati sorprendentemente positivi e un dividendo di 0,15 euro – per un titolo che fino a ieri quotava 1,95 euro – Unipol ha fatto una candela rialzista davvero imponente, con oltre 25 mln di pezzi scambiati, con gap up rialzista, che per il momento si è fermata sull’ultimo ostacolo che separa il titolo da un allungo davvero notevole, ossia sui 2,2 euro, dove transita la trend che unisce i massimi dall’estate 2012 ad oggi.
Come potete vedere su entrambi i grafici pubblicati, il titolo è rientrato con decisione, con conferma in close settimanale, dentro il canalone ribassista , neutralizzando definitivamente il quadro di medio lungo, e allontanando- a meno che il segnale non venga annullato – ogni possibilità di formare nuovi minimi.
Va notato inoltre che tutta la fase che va dall’estate 2012 ad oggi è stata accompagnata da una crescita esponenziale dei volumi, divenuta ancora più evidente dall’ inizio del 2013.
Da segnalare infine come si possa notare la formazione di un testa e spalle rialzista, che al break di 2,2 avrebbe obiettivi importanti, posti in area 3,1-3,2, con livelli  intermedi posti in area 2,4-2,5.

Per chi volesse provare a cogliere la potenziale opportunità, lo stop loss è davvero vicino.
Solo  ritorni in close giornaliero e settimanale sotto area 2-2,07 metterebbero in discussione il quadro tecnico, che invece si rafforzerebbe con decisione sopra i 2,2-2,25.

Abbiamo sempre sostenuto che la galassia Uni-Fondiaria-Milano potesse essere una interessantissima storia di ristrutturazione in ottica futura, spread e mercati permettendo.
L’unico dubbio era su quando il mercato avrebbe cominciato a scontare questo.
Forse, con tutti i se e tutti i ma del caso, i tempi sono diventati maturi.

UNIPOL DAILY

UNIPOL WEEKLY


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
La Banca Mondiale ha emesso per il mercato italiano una nuova Obbligazione per lo Sviluppo Sostenibile in dollari americani a tasso fisso. I proventi dell’obbligazione saranno utilizzati per attività di svil
Ftse Mib: prove di allungo per l'indice italiano che oggi tenta la rottura al rialzo dei 23.130 punti, ultimo livello importante di resistenza della fascia da noi più volte indicata compresa tra 22.860 e 23.130
La schizofrenia delle "machinette", il loro costante e continuo lavoro di giorno e di notte, testimonia, la paura e il panico che stanno per avvolgere i mercati alla fine di un ciclo economico e l'inizio del
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016/2017 (range 15017/23133 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2019/2020 Setup Mensile: ultimo Marzo (range 21460 / 22938 ) [ uscita ri
Ormai è chiaro. Stiamo vivendo una fase di transizione che non porterà a breve ad un vero bear market, ma che sarà propedeutica ad una correzione che potrebbe essere importante in concomitanza della prossim