>UPDATE UNICREDIT: AREA 3,05 – 3,2 FONDAMENTALE PER NON RIPRENDERE IL CAMMINO RIBASSISTA VERSO NUOVI MINIMI

Scritto il alle 14:24 da [email protected]

>Lo facciamo raramente nei nostri report, ma questa volta faremo una eccezione, pubblicando i grafici di Unicredit sia giornaliero, che settimanale, che mensile.



UCG DAILY

UCG WEEKLY

UCG MONTHLY


Come potete vedere chiaramente, area 3,05-3,2, attualmente in fase di pieno test , è assolutamente fondamentale per il titolo, per non riattivare l’impulso ribassista di lungo periodo sul titolo, che porterebbe inevitabilmente al ritest dei minimi in prima battuta, e  alla formazione di nuovi successivamente.
Un rimbalzo verso i 3,4-3,5 euro dovrebbe essere quantomeno probabile, in ogni caso, soprattutto se l’indice dovesse reggere l’impatto  dei venditori sul fondamentale supporto posto sui 15-15200, più volte indicato nei nostri update e attualmente in fase di test.

Per neutralizzare nuovamente il quadro tecnico, e allentare le pressioni ribassiste di breve, servirà invece  un ritorno sopra i 3,7-3,9 euro.

Da monitorare con attenzione dunque il titolo, sottoposto, insieme all’intero settore bancario e assicurativo, a fortissime pressioni in vendita negli ultimi giorni, dopo le vicende del “salvataggio” di Cipro.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta