>LA PAROLA D’ORDINE E’: AUSTERITA (MA NON PER TUTTI)’!!! OSSIA, COME SOCIALIZZARE LE PERDITE DEL SISTEMA BANCARIO!!!!

Scritto il alle 11:38 da [email protected]

>Oramai è diventata la parola chiave in tutti i messaggi, sia da parte dei commentatori, sia da parte istituzionale – governativa, sia da parte dei banchieri centrali. Tutti ci raccontano che è assolutamente indispensabile, soprattutto nei paesi con alto debito e basso risparmio nazionale – in italia peraltro è vera la prima cosa, ma non la seconda, almeno fino a quando non hanno cominciato ad aggredirli i risparmi, con superMario-.


E anche se il contraltare è che l’austerità deprime fortemente la crescita,facendo calare cosi anche le entrate fiscali e annullando l’effetto dei continui aumenti della tassazione, spingendo cosi verso l’alto il rapporto debito/pil, poco importa. Anche perchè questa austerità non è per tutti, ma solo per quelli che non hanno santi in paradiso a cui votarsi, ossia la stragrande maggioranza delle persone!!!

In Italia poi mi fa ridere – ma anche piangere, a seconda dell’umore del momento – che mentre si predica austerità alla popolazione come male necessario per uscire da una crisi che non finisce mai, abbiamo una classe politica che, tutta, senza distinguo alcuno – se non per gli esempi recentissimi dati dagli eletti del M5S in Sicilia e in parlamento, che si sono tagliati drasticamente lo stipendio percepito, rinunciando anche ai soldi del finanziamento pubblico –  si comporta in stile Cetto Laqualunque, “fottendosene una beata minchia”.


Quanti proclami, da destra e da sinistra, abbiamo sentito sul taglio agli sprechi, alla spesa pubblica improduttiva, agli enti locali inutili e costosi, alle consulenze per accontentare gli amici degli amici, etc etc.

Non solo non è mai stato fatto nulla, ma sono anche aumentati a dismisura gli eccessi negli ultimi anni, come le cronache giudiziarie ci hanno amaramente insegnato, arrivando a consegnare anche in Italia il nostro Batman, in salsa romana chiamato Er!!!!

ER BATMAN – FIORITO


Con l’arrivo di Monti poi, presentato alle masse come salvatore della patria – dopo lo scempio di  Berlusconi d’altronde anche Topo gigio avrebbe potuto fare bella figura – la situazione si è esasperata ulteriormente, perchè mentre si è continuato, nonostante i proclami e gli annunci fatti ripetutamente, a non mettere mai mano ai tagli e agli sprechi nella pubblica amministrazione – ai costi e ai disastri della burocrazia italiana dedicheremo un articolo prossimamente – si è dato sfogo a tutti gli istinti primordiali nell’aumentare le tasse già esistenti e nel crearne una infinità di nuove, che nemmeno una persona frustrata e fortemente ossessionata, piena di turbe psichiche, sarebbe riuscita mai a partorire!!!

Invece il nostro superMario ci è riuscito: ditelo ai vostri figli, non è necessario andare alla Bocconi, basta anche l’asilo per fare il premier come lo ha fatto Monti – ma dovete passare da Goldman Sachs prima, mi raccomando!!!!!

Ci raccontano oggi che l’austerità sta perfino funzionando in qualche modo: Monti in campagna elettorale ci propinava balle in continuazione, omettendo ovviamente di dire che il debito pubblico, nonostante la macelleria sociale fatta dal suo governo, era ulteriormente cresciuto e asserendo financo che la prova più evidente del successo della sua azione politica era dato dal netto ripiegamento dello spread btp/bund!!! Che carino, faceva davvero tenerezza: se non ci fosse stato l’amico Draghi a capo della Bce a comprare – e chiedendo alle banche con i soldi della Ltro di fare altrettanto – titoli di stato italiani, che nessun altro si sognava di comprare, lo spread sapete dove sarebbe??????


La lezioncina quindi che ci propinano, a tutti i livelli, è che siccome dobbiamo diminuire il debito e aumentare i risparmi, dobbiamo investire e consumare meno. Noi, sia chiaro, loro non sia mai!!!!

Se poi, come hanno fatto in Cipro, arrivano loro a prenderseli in un raid notturno i nostri risparmi, questo va bene: ce lo chiede l’Europa, per salvare il nostro amato paese!!!

Per finire, il commento finale, per continuare a giustificare l’austerità, è che i fatti stanno dimostrando come questa stia consentendo nei paesi periferici di reggere all’urto di notizie potenzialmente devastanti, con forte rischio di effetto contagio, come sarebbe potuto accadere subito dopo i fatti  di Cipro: i mercati hanno dimostrato invece di rimanere tutto sommato tranquilli, e l’euro, anche se ha scricchiolato qualche giorno, sta già dando segnali di ripresa.


Anche qui, un sacco di balle: senza l’immensa mole di liquidità riversata sui mercati dalle banche centrali – i cui bilanci si sono gonfiati in maniera abnorme in tempi rapidissimi -, in maniera sempre più coordinata e aggressiva, avrei voluto vedere quale sarebbe stato il vero effetto sui mercati.

Perchè, cari amici di Diario di un trader, l’obiettivo  di questi signori è proprio questo: continuiamo nella nostra azione di  socializzazione delle perdite del sistema bancario, giustificando qualsiasi cosa con la necessità di austerity per tempi indefiniti, dando l’apparente calma e tranquillità di mercati che reggono l’impatto di qualsiasi notizia, anche la più devastante.

D’altronde, la storia dimostra che il panico arriva solo di fronte a shock forti e violenti, ma se alla gente viene fatto “pelo e contropelo” con dolcezza, con calma e con pazienza, a parte qualche piccolo sussulto, sarà sempre li bella e tranquilla a continuare a farsi tosare per bene!!!



VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Un nuovo profilo dedicato ai clienti professionali. È questa l'ultima novità introdotta da ActivTrades, broker londinese specializzato nella negoziazione di forex e cfd. Un profilo pensato e dedicato alla clie
Ieri all'improvviso una tempesta perfetta si è abbattuta sul nostro Paese, sembra davvero di essere tornati indietro di circa sette anni, a quel tragico 2011, l'attacco speculativo scatenato dalla decisione
Ftse Mib: tenta il rimbalzo il Ftse Mib dopo un'altra seduta, quella di ieri, fortemente orientata al ribasso. Ieri il listino italiano ha lasciato aperto un gap down che potrebbe essere di esaurimento, anche se
I mercati finanziari restano sull’ottovolante. La complessa e difficile situazione politica italiana resta tale e, anzi, si arricchisce di colpi di scena che diventano degni del miglior “Beautiful” tel
Diciamolo francamente, lo scenario non è dei più rosei. A prescindere cosa prevedeva il programma del governo mai nato. Per la parte relativa alle pensioni si fondava prevalentemente sulla quota 100 e sulla pe