>ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLA FORMAZIONE DEL NUOVO GOVERNO – DEL MEGAINCIUCIONE- LETTA

Scritto il alle 11:55 da [email protected]

>Fa perfino tenerezza, in qualche modo, vedere come non solo dal punto di vista mediatico – cosa di cui non c’è da sorprendersi dato il livello di leccaculismo di buona parte dei nostri giornalisti asserviti – ma anche da tanti ambienti ostili fino a poche ore prima al megainciucio,   stiano ora arrivando segnali di entusiasmo ed euforia addirittura per il nuovo governo Letta.




Questo perchè, se fino alla ufficializzazione dei nomi dei 21 ministri tanti erano stati i malumori per alcuni nomi circolati – Berlusconi, D’alema, Amato, etc etc…tutti soprannominati dinosauri – quando si è saputo invece che non solo nessuno di questi era presente, ma che addirittura vi erano delle assolute e inattese novità, tutti i dubbi e le perplessità sono svaniti in un colpo solo, insieme a tutto il contorno assai poco edificante che aveva portato a tutto ciò. Anche i grillini sono stati messi nel dimenticatoio, tirati fuori solo per giustificare l’attentato ai carabinieri da parte del solito squilibrato!!!!!

Questo paese è davvero strano, non c’è che dire: come al solito, come ha sempre fatto anche in passato con Berlusconi, si è bevuta tutta d’un fiato la storiella che i media, ora tutti insieme visto che tutti son dentro, hanno fatto passare.


Quella che è solo una operazione di marketing  , straordinaria e ben congegnata per carità – perchè hanno dato al paese quello che il paese chiedeva a gran voce, ossia facce nuove – è diventata una rivoluzione capace di fare entusiasmare la gente!!!!


Come se queste facce – di cui alcune di queste, poi, non sono nemmeno tutta sta novità, anzi, di Alfano ministro dell’interno c’è da preoccuparsi , e non poco pure….-, questo presidente del consiglio, questo governo, potessero in totale autonomia decidere qualcosa di diverso da quello che vogliono in realtà Bersani, D’Alema, Berlusconi, Monti, etc etc, dato che servono i voti delle truppe di fedelissimi degli schieramenti guidati da questi signori per fare qualsivoglia provvedimento.


Per non dimenticare il fatto poi che per la difficile condizione economica in cui siamo, abbiamo margini di manovra praticamente nulli.

Lo abbiamo detto anche prima delle elezioni: o vengono fuori politici con gli attributi, capaci di sparigliare le carte a questi burocrati e banchieri centrali della trojka, che fanno e han sempre fatto gli interessi della Germania, oppure continueremo con il commissariamento già visto con Monti.
E Letta, mettetevelo bene in testa, è esattamente il figliol prodigo di Monti.
Ha scritto un libro con il titolo: Morire per Maastricht. Ovviamente sono gli altri che devono morire per Maastricht, mica lui!!!

C’è solo una differenza: se prima ognuno dei partiti temeva che l’altro si potesse avvantaggiare di scelte impopolari per il paese, oggi questo pericolo non esiste più, dato che sono tutti dentro. Grillini a parte: ma statene certi, a loro saranno addossati tutti gli attentati, i botti, le esplosioni di rabbia che inevitabilmente aumenteranno nel paese, dando  il via a una nuova strategia della tensione e della paura, che li obbligherà a rimanere ai margini, tanto che è stato deciso che non sarà data loro nemmeno la possibilità di avere le commissioni di garanzia di copasir e vigilanza rai, da sempre riservate all’opposizione.


E quindi le boiate – con spartizione dei territori, delle poltrone, della spesa pubblica, etc etc – potranno continuare indisturbate, esattamente come è avvenuto, ne più ne meno negli ultimi 20 anni, in cui destra e sinistra hanno fatto finta di farsi opposizione, alternandosi al governo, senza che mai cambiasse nulla per il paese. Berlusconi potrà imperterrito farsi i fattacci suoi, mettendo una pietra tombale sui suoi processi; Bersani e D’alema potranno stare tranquilli che gli scheletri nascosti nell’armadio del Monte Paschi rimangano li dove sono;e  Monti può essere sicuro che il lavoro imposto dall’Europa di liquidatore dell’Italia possa andare avanti indistrubato. E vissero tutti felici e contenti, loro!!!

Bisogna prendere atto che questo governo è espressione – magari giovane e ripulita – della stessa casta nazionale, di cui conosciamo bene le virtù, e dei rispettivi burattinai stranieri, che mira a portare avanti, come sempre ha fatto, solo i loro interessi, che sono ben distanti da quelli della popolazione del paese. E questa non è una mia opinione, sono fatti: basta guardarsi indietro, e vedere quel che già hanno fatto queste persone negli ultimi 20 anni.

Ve lo dico sinceramente: se non fosse per mio figlio, prenderei bagagli e le cose indispensabili, e andrei via da questo paese senza speranza.

Ma in fondo anche facendo questo non faremmo altro che fare quello vogliono loro, poichè l’emigrazione, insieme alle violenze derivanti da una recessione sempre più profonda e strutturale, saranno le uniche valvole di sfogo di una massa di cittadini sempre più stanchi e avviliti!!!

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
2 commenti Commenta
marcello
Scritto il 29 aprile 2013 at 14:24

>..aggiungerei: e avidi, egoisti :-(

Anonymous
Scritto il 29 aprile 2013 at 22:57

>Siamo un Popolo di ignoranti . (ANNO)

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE Mib: l'indice apre al ribasso rompendo in gap down il supporto statico dei 22.200 punti e la trend line rialzista di breve periodo descritta dai minimi del 20 novembre e 1 dicembre. Il FTSE Mib si avvicin
Ieri Mario Draghi nella conferenza stampa di fine anno, ha detto che la BCE non ha discusso dell'eventualità di slegare il QE dall'andamento dell'inflazione. Se qualcuno lo conosce, visto che ieri ha an
A tutt’oggi non è ancora sufficientemente definito cosa indichi l’espressione “investire in economia reale”, perché tutti gli investimenti attengono al reale e non al metafisico, anche quando si tratta
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Ottobre (range 22021 / 22899 ) [ in attesa ] barra
La sfida low cost nei cieli si sposta sempre di più sulle rotte intercontinentali e Norwegian Airlines lancia 4 nuove rotte transatlantiche tra cui l'atteso collegamento diretto Milano-Los Angeles, che manc