>QUASI 500 RICHIESTE DEL QUESTIONARIO SUL POP UP TRADING. GRAZIE DI CUORE PER LA STRAORDINARIA PARTECIPAZIONE!!!!

Scritto il alle 18:28 da [email protected]

>Come vi abbiamo annunciato nei giorni scorsi, abbiamo preparato un questionario per sapere cosa pensano i lettori di Diario di un trader e i nostri seguaci su Facebook  del pop up trading, chiedendo loro di rispondere ad alcune domande, e, soprattutto, di darci alcuni suggerimenti e proposte.


In pochi giorni, sono arrivate al nostro indirizzo mail [email protected] circa 500 richieste, un boom assolutamente inaspettato, che testimonia però il grandissimo interesse verso questa tipologia di servizio.

Vi ringraziamo di cuore della straordinaria partecipazione e disponibilità, che ci gratifica moltissimo per il lavoro che abbiamo fin qui fatto, ma soprattutto che ci da tantissimo stimolo ed entusiasmo per tutto quello che abbiamo intenzione di fare.

Vi ricordiamo, in caso in cui qualcuno volesse ancora partecipare, che c’è tempo fino a lunedi 3 giugno.


VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta