>ANCHE STAVOLTA SI E’ GONFIATA UN ALTRA BOLLA… BUONA SOLO PER I RICCHI. E IL CERINO LO HANNO GIA’ LASCIATO, CON I DISASTRI ALL’ECONOMIA REALE, IN GIRO PER IL MONDO!!!!

Scritto il alle 22:21 da [email protected]

>Chi come me vive di mercati finanziari, probabilmente dovrebbe solo ringraziare Bernanke e la Fed, Draghi e la Bce – che da quando è arrivato l’attuale presidente sta colmando velocemente tutti i gap possibili e immaginabili con gli altri colleghi -, la Boe, Abe e la Boj, e compagnia bella.


In fondo con le loro azioni, che sono servite esclusivamente a manipolare artificialmente i prezzi di tutti gli assets – anche se hanno raccontato in giro per il mondo che era solo per stimolare l’economia, solo “per il bene dei loro paesi”- , non hanno fatto altro che gonfiare una bolla dietro l’altra. 
Semmai la difficoltà è stata capire per tempo quale fosse di volta in volta la bolla, cercando di mettersi sulla scia di queste, rimanendo fermi (ahiaaa….cosa difficile per un trader!!!) e lasciando correre i guadagni.

Un mare di denaro abnorme, senza eguali nella storia, con azioni divenute sempre più aggressive e coordinate a livello planetario.
Si veda la sequenza mostruosa iniziata da Draghi a inizio agosto 2012, seguita dalla Fed e il nuovo Qe a metà settembre 2012, rinforzato in maniera esponenziale – 85 mld al mese senza limiti di tempo – a dicembre, e completato con l’agguerrito e ambiziosissimo piano di battaglia di Abe in Giappone sempre a dicembre 2012 (effetto: +60% anche al netto del recente crollo).  E questi sono solo gli ultimi in ordine temporale di una strategia che, nonostante gli annunci, non solo non vede mai la fine – le scadenze si allungano o si annullano del tutto –  ma è diventata sempre più martellante e costante, quasi priva di pause.

La exit strategy non esiste, semplicemente perchè in un nanosecondo crollerebbe tutto il castello di carte su cui si regge la strategia stessa.
Tutto il denaro di cui è stato inondato il sistema si è diffuso in maniera assolutamente non uniforme: anzi, se fino al 2007, anche se il grosso finiva sempre a gonfiare bolle qua e la, bene o male una parte di questa liquidità arrivava a circolare anche nel sistema e quindi all’economia  reale, lasciando qualche briciola  in tasca alla massa dei cittadini nel momento in cui le bolle scoppiavano e la crisi finanziaria esplodeva, stavolta invece di briciola non è arrivata proprio nessuna, si sono ingrassati i banchieri, la lobby che gli appoggia e gli amici degli amici (inclusi ovviamente i burattini politici che ne eseguono gli ordini).

A parte gli assets di carta, totalmente sconnessi dalla realtà come mai nella storia (le attività produttive sono ovunque in forte contrazione, qualsiasi cosa ne dicano i mercati: anche in america i dati sono nettamente peggiori di quelli del 2007, quando i livelli degli indici erano assai inferiori agli attuali), cosa è salito grazie a questa enorme liquidità???
Basta guardare i singoli settori e i principali titoli per capire come stanno le cose davvero.
Pure sul nostro bistrattato e disastrato listino, abbiamo gioielli come Luxottica, Tods, Ferragamo, etc etc, giusto per farvi capire a che cosa mi sto riferendo.

Una valanga di denaro è arrivata e continua ad arrivare su arte, vino, gioielli e beni di lusso in generale, e soprattutto su immobili di lusso, ovunque in giro per il mondo.
Le case di aste stanno registrando record assoluti nel loro giro di affari.
 Negli Hamptons il prezzo degli immobili è salito più del 35% nel solo 2012. A manhattan alcuni appartamenti nei condomini di prestigio sono stati venduti a un prezzo doppio rispetto a quanto pagato nel 2007(ossia nel momento di picco della bolla immobiliare americana).

E chi sono i compratori ???? Ma va??? Secondo voi, chi???? 
L’ex capo di Citygroup, manager e dirigenti di JpMorgan, Goldman Sachs, Bank of America, Morgan Stanley, etc etc etc.

Loro si stampano il denaro;  lo fanno circolare solo fra loro;  e gonfiano i fatturati(realmente) solo delle attività che interessano a loro – un esempio italiano: guardatevi i conti di Geox, giusto per fare un esempio, e quelli di Tods o Ferragamo -.
La liquidità è cosa loro, e dei loro amici, di conniventi e collusi.

L’unica economia veramente stimolata è proprio quella delle persone più vicine a questo flusso di denaro. E che le altre si fottano!!!!

Il divario sociale è aumentato esponenzialmente  negli ultimi anni, sia in America che in Europa, con picchi più elevati e sensibili ovviamente nei paesi periferici europei, come appunto l’Italia.

Potrei farmi i fatti miei, e non dire nulla.
Alla fin fine io non vengo danneggiato da queste scellerate e folli azioni politiche, monetarie ed economiche.
Cosi come avrei potuto non dire nulla su Berlusconi, che mai e poi mai avrebbe messo di testa sua una tassa come la Tobin Tax,o aumentato il capital gain – cose entrambe che danneggiano chi come me è cittadino con residenza fiscale in Italia.

Ma non fa parte di me, semplicemente perchè tutto questo è assurdo, e profondamente ingiusto. 
I danni strutturali che queste scelte stanno lasciando alle economie di mezzo mondo sono incalcolabili, e quel che è peggio, la crisi sociale che sta montando ovunque inevitabilmente sfocerà in qualcosa di difficilmente gestibile da questi signori con stipendi multimilionari e stock options da capogiro.

La bolla stavolta se la sono costruiti solo per loro, e il cerino lo hanno già lasciato in giro per il mondo, con i disastri che hanno combinato.

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
FTSE Mib: l'indice apre al ribasso rompendo in gap down il supporto statico dei 22.200 punti e la trend line rialzista di breve periodo descritta dai minimi del 20 novembre e 1 dicembre. Il FTSE Mib si avvicin
Ieri Mario Draghi nella conferenza stampa di fine anno, ha detto che la BCE non ha discusso dell'eventualità di slegare il QE dall'andamento dell'inflazione. Se qualcuno lo conosce, visto che ieri ha an
A tutt’oggi non è ancora sufficientemente definito cosa indichi l’espressione “investire in economia reale”, perché tutti gli investimenti attengono al reale e non al metafisico, anche quando si tratta
Setup e Angoli di Gann FTSE MIB INDEX Setup Annuale: ultimi: 2016 (range 15017/21194 ) ) [ uscita rialzista ] prossimo 2017 Setup Mensile: ultimo Ottobre (range 22021 / 22899 ) [ in attesa ] barra
La sfida low cost nei cieli si sposta sempre di più sulle rotte intercontinentali e Norwegian Airlines lancia 4 nuove rotte transatlantiche tra cui l'atteso collegamento diretto Milano-Los Angeles, che manc