Cosa ne resterà dell’economia reale????

Scritto il alle 09:00 da [email protected]

Se uno oggi guardasse le borse, penserebbe sul serio di essere nel migliore dei mondi possibili, dove tutto gira che è una meraviglia….guardatevi gli indici americani o il dax giusto per fare qualche esempio(noi siamo un caso a parte e dovremmo sapere anche benissimo il perchè!!!!)
L’immensa liquidità riversata sui mercati dalle banche centrali (guardatevi il bilancio della FED per farvi una idea, ma la follia oramai ha contagiato tutte) ha fatto si che tutti gli assets di carta venissero facilmente manipolati, dando cosi l’apparenza che tutto goda di buona salute.


Il grande paradosso è proprio questo: un lunghissimo ciclo inflazionario, supportato dall’aggressiva politica monetaria, è stato innescato sui mercati finanziari, con la leva finanziaria che è tornata addirittura su livelli superiori al 2007;  mentre nell’economia reale c’è deflazione da debito, con un lunghissimo ed estenuante deleveraging da parte di famiglie e imprese.

Non vi meravigliate dunque che di fronte al nulla dal punto di vista fondamentale e a rialzi solamente di carattere inflazionistico, prima o poi la storia si ripeterà, ne più ne meno di quanto visto dal 2000 in poi. I segnali di distorsioni e squilibrio sempre più evidenti già si cominciano a intravedere, ma questo sui mercati non sancirà automaticamente la brusca inversione di tendenza, perchè la compiacenza e l’arroganza acquisita in lunghi anni potrebbe impiegare tempo per venire meno.
Mi spiegate voi dove vedete l’aumento di produzione, redditività e occupazione che possa giustificare i prezzi attuali???? La risposta datevela da soli, ma ovviamente può essere una sola: semplicemente non ci sono.
Quindi si tratta di inflazione degli assets finanziari, sostenuta dal grande esperimento delle banche centrali. Punto.
Le enormi distorsioni stanno provocando danni strutturali e sistemici incalcolabili.
Fateci caso, magari pensando a voi stessi, a vostri conoscenti, sia pubblici impiegati che liberi professionisti, che imprenditori:  è evidente che i redditi reali rispetto a dieci anni fa sono di gran lunga inferiori, mentre il costo dell’energia e dei beni alimentari(giusto per parlare di fattori “core”) sono aumentati esponenzialmente – solo qualche anno fa ad esempio si faceva il pieno con 50-60 euro, ora ci vuole il doppio!!!!
La velocità di circolazione della moneta è velocissima sui mercati finanziari, ed è invece praticamente molto bassa negli altri. E pensate che tutto questo non è casuale, ma esattamente guidato e voluto!!!!

Tutti gli squilibri creati all’economia reale da questi fenomeni, hanno come logica conseguenza l’erosione continua dei risparmi da parte delle famiglie, che non solo non riescono piu a mettere da parte un becco di un quattrino, ma sono costretti sempre di più, dove ancora ci sono, ad attingere alle riserve per tirare avanti.
In Italia poi non ne parliamo, con la spremitura fiscale portata avanti da questa indecente classe politica ed esacerbata da Monti in poi, siamo a livelli veramente inimmaginabili.
Altro evidente effetto distorsivo di questo fenomeno(ben rappresentato dall’andamento dei titoli del lusso a livello globale)è la redistribuzione in atto della ricchezza, che sta facendo diventare i ricchi(che poi sono quelli che sono più vicini all’immenso flusso di denaro pompato nel sistema dalle banche centrali) sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri,con un aumento esponenziale di nuovi poveri anche negli Usa( figuriamoci nei paesi periferici come il nostro).
Non dimentichiamo infine che quella sul mercato obbligazionario(molto più grande rispetto all’azionario) è la più grande bolla della storia, con i tassi anche qui tenuti artificialmente – non hanno niente a che vedere con la realtà-  compressi per ridurre il costo di indebitamento statale e far confluire denaro sulle borse (almeno finora è stato così,  anche se qualche segnale di scricchiolio già si vede) 

L’esito a mio modo di vedere non può essere che uno solo: collasso dei mercati azionari(prima o poi), seguito dai bonds che provoca un collasso del sistema monetario per come lo conosciamo rendendo completamente impotenti stavolta le banche centrali(ma tanto gli artefici di questo grande esperimento saranno su qualche panfilo state tranquilli…si veda nonno Greenspan che pensione d’oro si sta godendo….lo pagano pure per andare a raccontare in giro dei disastri che ha combinato!!!!)

 

Eh si….siamo proprio nel migliore dei mondi! Quello in cui  i risparmi  le banche centrali  li svalutano stampando a tavoletta fiat money di carta ed inflazionandola in tanti modi diversi per, ci raccontano, stimolare una economia manipolata (che non ha nulla del mercato libero) con iniezioni di liquidità che producono soltanto bolle finanziarie, arricchimenti bancari, redistribuzione distorta della ricchezza,  e inevitabili recessioni, sempre più gravi, e nessuna crescita economica reale per tutti gli altri, con effetti disastrosi, sistemici e strutturali, sulla stessa.

 

 

 

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

 

CLICCA QUI PER SAPERE COME ISCRIVERTI AL BLOG CHIUSO TRADINGUPDOWN

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (4 votes cast)
Cosa ne resterà dell'economia reale????, 10.0 out of 10 based on 4 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta