Con Telecom è partita l’operazione Svendita Italia!!! Il capitalismo all’italiana abbandona la nave al suo destino!!!

Scritto il alle 14:53 da [email protected]

Ragazzi, siamo alle solite: il nostro capitalismo senza capitali(nel senso che mettono sempre quelli degli altri, scaricando i debiti sulle società oggetto delle loro speculazioni, utilizzando il denaro dato loro in prestito dalle banche conniventi) prima spoglia completamente le società acquisite, zavorrandole di debiti con i ben noti leverage buy out, e poi….la storia finisce sempre in un modo. Ossia con la svendita di quel che prima erano degli autentici gioielli.
Il caso di Telecom è da manuale.
Ma state tranquilli, a breve seguirà quello di Alitalia, che con l’operazione ideata da quel geniaccio del male di Berlusconi ha scaricato tutta la “m…..” sui contribuenti-ricordate bad company allo stato, good company alla cordata di imprenditori guidati da Colaninno- e ha lasciato il valore agli amici che hanno voluto puntare qualche milioncino sulla fiche.E badate bene,Air France, che nel 2007 voleva offrire sei miliardi di euro per accollarsi la nostra compagnia di bandiera, inclusi i debiti, oggi spenderà molto molto meno, con 4,5 miliardi di debiti scaricati sui contribuenti italiani nel frattempo!!!!!
Per chi non ricordasse la storia di Telecom(tanto loro puntano sempre su questo, le persone dimenticano tutto), leggetevi questo mio articolo di un pò di tempo fa sul blog :
http://riflessionidiupdown.blogspot.it/2013/03/fare-gli-imprenditori-come-brunello.html
Anche le banche e la Generali, che si sono contese il controllo di Telecom e che hanno finanziato i capitani coraggiosi di D’alema prima(che in due anni hanno massacrato di debito la società) e Tronchetti Provera poi(che ha spogliato del patrimonio immobiliare il colosso telefonico, riaffittandolo a prezzi davvero interessanti con contratti a lunghissimo termine alla società stessa), ora stanno scaricando in fretta e furia l’ex monopolista telefonico, lasciandolo al suo destino spagnolo. Oltre 15 anni di scorribande di ogni tipo, utilizzate per fare una barca di soldi e tante belle carriere, con l’azienda in condizione disastrose, con un debito enorme, e venduta a quattro soldi al miglior offerente(che badate bene non investirà un euro per rilanciare la società, ma spenderà dei soldi solo per prendersi il totale controllo, salvando da enormi minusvalenze le banche suddette).

Eh si miei cari, non c’è più niente da spolpare, non c’è più trippa da mangiare. Ci sono solo 40 mld di euro di debiti, che soffocano la società impedendole di investire in sviluppo, ricerca e nuove acquisizioni.
E quindi, fate ciò che volete!!! Svendita Italia è solo all’inizio!!
L’offerta di Telefonica prevede un prezzo di 1,09 euro(quasi il doppio della media delle quotazioni recenti) ma ovviamente solo ai soci bancari e italiani di Telco. E che gli azionisti di minoranza, come avviene sempre da anni, si fottano!!!
Amen!!!

Voi continuate a festeggiare tranquillamente le parole dei vari Saccomanni, Letta e compagnia bella, con gli annunci della ripresa dietro un angolo che non si vede mai, e loro continuano a portare avanti la svendita dell’Italia!!!

Qui sotto guardatevi per finire questo grafico, che rende bene l’idea di quale sia stato il prezzo pagato dalla società e dai piccoli azionisti delle scorribande dei capitani coraggiosi di D’alema prima(gnutti.-colaninno), di Tronchetta provera poi e di Telco .

 

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

CLICCA QUI PER SAPERE COME ISCRIVERTI AL BLOG CHIUSO TRADINGUPDOWN

TRADINGNETWORK STA ARRIVANDO….IL TRADING COME NON L’AVETE MAI VISTO PRIMA

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
Con Telecom è partita l'operazione Svendita Italia!!! Il capitalismo all'italiana abbandona la nave al suo destino!!!, 10.0 out of 10 based on 5 ratings
3 commenti Commenta
gioc
Scritto il 24 settembre 2013 at 23:32

Caro UPDOWN ormai ti conosco abbastanza bene , infatti leggevo sempre con grande interesse le tue analisi di borsa , per altro quasi sempre azzeccate. Purtroppo la penso proprio come te . Questo Paese è destinato al fallimento ed il futuro è l’emigrazione. Prima o poi qualcosa succederà e quando il Paese si sveglierà sarà un brutto risveglio, si ritroverà povero ed umiliato. Due sono gli sbocchi :Rivoluzione o Regime autoritario. Spero solo che qualcuno paghi per il tradimento fatto agli Italiani. Una speranza , piccola per la verità, viene dalla Francia . La Francia non accetterà mai di essere sotto il gioco politico ed economico tedesco. Non sono di destra ma se fossi francese voterei convintamente la Le Pen.

updown
Scritto il 25 settembre 2013 at 09:53

Ciao Gioc e grazie dei complimenti.
L’emigrazione è già in corso da tempo, te lo assicuro, e riguarda famiglie e imprese(queste ultime è quotidiana ormai). Difficile dire come andrà a finire chi per impossibilità o per scelta rimarrà qui. E’ evidente che qualsiasi tentativo di cambiamento democratico viene soffocato sul nascere, e la casta, e la relativa lobby di poteri che rappresenta, fa subito squadra nel momento in cui capisce che questo rischio è concreto(e ne abbiamo avuto la riprova quest’anno, con il megainciucione che ha messo tutti dentro, guidato dal peggior presidente della repubblica della storia- ma questo lo avevamo capito già con l’operazione Monti).

Vorrei consigliarvi infine di leggervi questo interessantissimo articolo di un blogger davvero bravo.

Saluti

Collegato con l’articolo su Telecom e Svendita Italia di ieri, leggetevi questo interessantissimo contributo di questo blogger.

BYE BYE ITALIA, AU REVOIR !

DI SERGIO DI CORI MODIGIANI

E così, di riffa e di raffa, il Bel Paese se ne va.

O meglio, diciamo piuttosto che, con il trascorrere dei giorni, diventa sempre più chiaro come -a dispetto della apparenze- non siamo nelle mani di beceri incompetenti, di cialtroni immeritevoli, di raccomandati di lusso, incapaci di mettere in piedi uno straccio di progetto decoroso che funzioni e sia efficace.

Siamo nelle mani di una classe dirigente politica che si è macchiata e si sta macchiando del più orribile crimine che in tutte le civiltà, presso tutte le etnie, in tutte le epoche, è sempre stato considerato come l’atto più vile e tragico che si possa compiere: il tradimento della propria comunità e la svendita del territorio della propria cittadinanza allo straniero.

Perchè una cosa è il dramma delle guerre, dove l’invasore prepotente si appropria con la violenza delle armi di beni che non sono suoi.

Ben altra cosa è avere la certezza di essere capitanati da un manipolo di solerti impiegati che hanno scelto di consegnare i forzieri nazionali -riempiti grazie al lavoro di centinaia di generazioni diligenti, industriose e parsimoniose- nelle mani dei nostri più agguerriti competitors internazionali, invitando a nozze gli invasori e dicendo loro: prego signori, accomodatevi, svendiamo il tutto al prezzo migliore.

Conclusa la prima fase un mese fa, è iniziata da oggi la seconda fase, quella che consegna la Telecom agli spagnoli di Telefonica, l’Alitalia ai francesi di Air France, e tre aziende strategiche del gruppo Ansaldo, cioè la “Energia” la “Sts” e la “Breda” rispettivamente al gruppo imprenditoriale coreano denominato Doosan, agli statunitensi di General Electric e il gioiello metalmeccanico ai giapponesi di Hitachi. Se ne va via anche la Ansaldo, e sono già in trattative per vendere le aziende strategiche impiegate nella costruzione di navi ai cinesi, i quali verranno a costruire le loro navi in Italia -a prezzi cinesi si intende- per poi ormeggiarle nel porto del Pireo, acquistato in toto due mesi fa. Una vera pacchia. Per loro si intende.

Quattro aziende di Finmeccanica e l’Eni sono già in trattative avviate, soprattutto con i qatarioti, a questo serviva loro impossessarsi -come hanno fatto- prima di Unicredit, poi acquistare Valentino Garavani insieme a centotrenta industrie tessili nazionali e adesso si prenderanno anche il nostro know how ingegneristico in campo petrolifero.

Allora a questo serve lo stallo.

Allora è questo il vero obiettivo dell’immobilismo politico italiano.

Fare in modo che non accada nulla, che non cambi nulla, che non migliori nulla, in modo tale che i prezzi si abbassino e si faccia lo shopping del Made in Italy. Una volta conclusa questa fase, manderanno a casa gli attuali impiegati e ci metteranno dei nuovi manager a gestire le briciole. Di italiano sarà rimasto soltanto il marchio.

Quindi il Made in Italy è finito.

Ho saputo che tre giorni fa si è chiusa la trattativa della compravendita di una importante azienda vinicola in Toscana, una di quelle che produce il marchio DOC classico del Chianti gallo nero, finita nelle mani dei cinesi. L’azienda si chiama Casa Nova. Si trova a Greve, tra Firenze e Siena. Si tratta di due gruppi di case coloniche, otto ettari di vigneti e due di oliveto acquistati da uno speculatore finanziario di Hong Kong che rappresenta gli interessi di un gruppo farmaceutico di proprietà del governo cinese. Sono venuto a scoprirlo per un caso, guardando una intervista alla televisione argentina a un loro imprenditore, Alejandro Bulgheroni (nipote di italiani) il quale aveva acquistato sei mesi fa un’altra azienda Chianti DOC, la Poggio Landi. Costui, un supermiliardario, spiegava come, grazie all’Italia, l’Argentina da undicesima è già diventata la settima nazione vinicola al mondo e si appresta -per l’appunto- a fare concorrenza al nostro paese, passato in dieci anni dal primo al terzo posto ed entro il prossimo quinquennio accreditato di un decimo posto, superati da Spagna, Cile e Colombia. Così stanno le cose. Per il momento siamo terzi, dietro Usa e Francia che resiste al primo posto avendo stravinto la secolare guerra del vino con l’Italia. La Cina ha aumentato il consumo di vino del 30% e produce adesso 17 milioni di ettolitri all’anno. Ha bisogno del vino italiano. Perchè? Una Legge dello Stato cinese stabilisce che per poter esportare vino “cinese” doc è sufficiente che all’interno delle bottiglie vi sia il 15% di uve locali. Hanno deciso allora di cominciare a prendersi il vino italiano migliore, così lo inviano in Cina attraverso il porto del Pireo e lo imbottigliano a Shangai creando un vino cinese originale (sembra che sia ottimo) ma che è composto all’85% delle uve del Chianti. Quindi, siccome per il vino ciò che conta è il sapore, la Cina si impossesserà di tutti i mercati internazionali stracciando la concorrenza con il vino italiano perchè venderà vino italiano ovvero sapore italiano vero come vino cinese, davvero diabolici. La grande azienda vinicola Oliveto, della famiglia Machetti, è stata venduta alla Solaya International di Panama, modesta società anonima di copertura dietro la quale si nasconde la Bank of China. L’Italia perderà tutti i mercati.

Se ne sono andati anche l’Orzo Bimbo venduto ai tedeschi.

Se ne sono andati via i salumi Fiorucci. E i biscotti Barilla e i sughi e le conserve Star.

Anche la Parmalat, divenuta francese. E i Galli si sono presi anche la Galbani, la Locatelli, l’Invernizzi.

Per non parlare del cashmere italiano di Loro Piana e di Bulgari. La moda è ormai loro.

Se ne è andato anche lo spumante Gancia e tutta la produzione piemontese degli aperitivi italiani, venduta a Roustam Tariko, un miliardario moscovita.

Dopo i biscotti Barilla e la pasta Buitoni, se ne è andato anche il riso Scotti: e qui la cosa è davvero grave. Perchè la celebre azienda di Pavia l’ha venduta a una multinazionale spagnola dell’alimentazione gestita dai colossi finanziari che intendono usare questi marchi per lanciare un sistema di alimentazione seriale industriale che impoverirà l’alimento, la sua qualità nutritiva e di italiano non avrà proprio un bel nulla. L’azienda spagnola si chiama Ebro Foods. Se l’è presa per 18 milioni di euro lo scorso luglio.

Gli spagnoli stanno usando i soldi avuti in credito dal Fondo Salvastati al loro sistema bancario per acquistare aziende italiane. Quel fondo è alimentato in larghissima misura dai soldi del contribuente italiano. In pratica, ciò che questo governo e quello precedente hanno avallato è la seguente manovra: il fondo europeo dà i soldi alle banche spagnole che acquistano aziende italiane.

In una intervista di qualche mese fa il Dr Dario Scotti, presidente e amministratore delegato della Riso Scotti spa, attaccato dai sindacati di categoria che avevano denunciato il fatto inascoltati aveva dichiarato:

“La partnership con la multinazionale alimentare iberica ha la valenza di un’alleanza industriale e commerciale per penetrare mercati internazionali, con l’obiettivo di sviluppare la produzione del sito industriale e di allargare le frontiere al risotto “made in Italy” e ai tanti prodotti derivati dal riso che produciamo e commercializzamo. La scelta è stata attenta e meditata, nel desiderio di esprimere una rinnovata e maggiore forza industriale come primo gruppo risiero europeo, in termini di sviluppo e di distribuzione di prodotti di nuova generazione. È certamente una scelta legata allo sviluppo dei nuovi prodotti: con la loro ricerca e le nostra, con il loro sistema distributivo e il nostro, con le forze messe insieme, insomma, si potranno ottenere i risultati migliori”.

Balle! Grosse come una casa, è l’opinione della Coldiretti di Pavia che raggruppa i consorzi dei piccoli produttori agricoli del pavese, del piacentino e della pianura padana. Ha pubblicato un allarmante studio dal titolo “Mani spagnole sulla Riso Scotti” nel quale sostiene che la Ebro Foods intende delocalizzare la produzione spostandola in Spagna. Il che vuol dire un altro pezzo importante dell’agricoltura nazionale che se ne va. Oltre al fatto che aumenterà la disoccupazione.

Il presidente della Coldiretti di Pavia, Giuseppe Ghezzi ha dichiarato “temo fortemente che questa sia una strada che porterà alla produzione di derrate alimentari standardizzate e uniformizzati, che di italiano avranno ben poco”.

Sergio Marini, presidente nazionale della Coldiretti, in un convegno di un mese fa ha lanciato un poderoso allarme rimasto inascoltato e poco comunicato. Ha detto:

“Lo scaffale del Made in Italy non c’é più nella realtà, è rimasta l’esigenza del prodotto italiano perchè c’è fame di Italia, grazie al nostro buon nome, ma è in atto una drammatica escalation nella perdita del patrimonio agroalimentare nazionale. I grandi gruppi multinazionali che fuggono dall’Italia della chimica e della meccanica, investono ora nell’agroalimentare nazionale perché, nonostante il crollo storico dei consumi interni, fa segnare il record nelle esportazioni grazie all’immagine conquistata con i primati nella sicurezza, tipicità e qualità. Ma il passaggio di proprietà ha spesso significato svuotamento finanziario delle società acquisite, delocalizzazione della produzione, chiusura di stabilimenti e perdita di occupazione. Si è iniziato con l’importare materie prime dall’estero per produrre prodotti tricolori. Poi si è passati ad acquisire direttamente marchi storici e il prossimo passo è la chiusura degli stabilimenti italiani per trasferirli all’estero. Un processo – conclude il presidente Coldiretti – di fronte al quale occorre accelerare nella costruzione di una filiera agricola tutta italiana che veda direttamente protagonisti gli agricoltori per garantire quel legame con il territorio che ha consentito ai grandi marchi di raggiungere traguardi prestigiosi”.

Saranno almeno nutrienti?

E’ il trend attuale, sintomo e termometro di un paese sconfitto nella propria identità più profonda e antica: il cibo, i nostri sapori, i nostri odori, i nostri colori. Basterebbe seguire in rete due siti per comprendere come si sono messe le cose Si tratta di due siti dove si vendono aziende intere, capannoni, pezzi di fabbrica, terreni prefabbricati a qualunque prezzo (andare a leggere per credere):

http://www.cinesichecomprano.com o il più affermato
http://www.vendereaicinesi.it

questi, secondo il Mago Attel, il Delinquente e l’Innominabile, sarebbero i “chiari segnali” che la ripresa economica italiana è già partita. E’ il Parlamento al corrente di questa pratica diffusa?

Sergio Di Cori Modigliani
Fonte: http://sergiodicorimodiglianji.blogspot.it/

dfumagalli
Scritto il 25 settembre 2013 at 21:44

E tutto questo perché gli Italiani non hanno le palle di prendere in mano la situazione e mandare a casa quegli imbecilli che si sono eletti.

Quello che sta capitando non è una disgrazia, un’intervento dal cielo. E’ la dichiarazione di fallimento irreversibile di un’intera generazione. Che prima ha mangiato il futuro dei propri figli, poi quello dei nipoti e ora si sta cannibalizzando da sola.

L’Italia è un Paese bellissimo, unico e anche ricchissimo di monumenti ed opere d’arte.

Peccato sia abitato.

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta