LA FOLLIA DELLA BCE E DELLE NOSTRE BANCHE: GUARDATEVI QUESTO GRAFICO!!!!

Scritto il alle 10:24 da [email protected]

Con uno spread che  oggi vola nuovamente a quota 280, grazie all’ennesima crisi politica, innescata dal solito Berlusconi che, come d’abitudine, ha deciso di alzare la posta e rischiare il tutto per tutto, per ottenere ciò che vuole(ne più ne meno di quel che fa da 20 anni: solo il peggior presidente della Repubblica poteva pensare che potesse andare diversamente!!!), non può non far riflettere questo grafico relativo ai Btp detenuti in pancia dalle banche italiane.

Fateci caso: nella crisi del 2011, quando i tassi volarono oltre il 6%, le banche, che già avevano visto raddoppiare i Btp posseduti da poco sopra 100 a oltre 200 mld, si disse che rischiavano il fallimento se non si fosse riusciti a far rientrare lo spread a livelli accettabili; ora siamo a quota 400 mld!!!

 

Fatevi un pò i conti da soli, e vedete un movimento anche come questo di queste ore cosa comporta in termine di variazione negativa sui bilanci.

Questa è la follia delle banche centrali: noi, con la nostra classe politica indecente, stiamo solo  dandoil pretesto perfetto per lasciarci travolgere(sui mercati la speculazione non aspetta altro) da quella che è veramente una azione criminale a tutti gli effetti.

Io lo ripeto da tempo: chi pensa che alla fin fine si troverà sempre e comunque il modo di evitare l’avvitamento (con lo Stato italiano che oramai non può fare nulla – a parte ovviamente continuare  a massacrarci di tasse – col debito che ci ritroviamo) si sbaglia!!!

E soprattutto che chi è correntista, azionista, obbligazionista delle banche già in condizioni molto precarie, lo tenga bene a mente!!!

A buon intenditor, poche parole!!!

 

 

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK

CLICCA QUI PER SAPERE COME ISCRIVERTI AL BLOG CHIUSO TRADINGUPDOWN

TRADINGNETWORK STA ARRIVANDO….IL TRADING COME NON L’AVETE MAI VISTO PRIMA

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 8.7/10 (7 votes cast)
LA FOLLIA DELLA BCE E DELLE NOSTRE BANCHE: GUARDATEVI QUESTO GRAFICO!!!!, 8.7 out of 10 based on 7 ratings
6 commenti Commenta
lucyluk
Scritto il 30 settembre 2013 at 14:08

Buongiorno,
Tutto vero ma i btp caricati al 6/7 % compensano ampiamente queste oscillazioni negative..es. l’accumulo maggiore si è visto a inizi 2012 dove il rendimento ha oscillato dal 7 al 5 % circa..ora siamo al 4 e rotti..quindi tutti quegli accumuli di btp sono posizioni in gain.. o sbaglio? :roll:

updown
Scritto il 30 settembre 2013 at 14:16

lucyluk@finanzaonline,

Si fino a quando la barca regge, in teoria ancora tutto è sotto controllo…ma …c’è un ma bello grande…prima dello scoppio della crisi nel 2007-2008 i btp in pancia alle banche italiane erano 100 mld, cresciuti di pochi mld negli anni precedenti. Lo scoppio della grande crisi globale ha dato il via agli acquisti a mani basse(e si capisce il perchè: la banca centrale europea non potendo acquistare direttamente sul mercato lo fa finanziando le banche nei vari paesi….) con lo scoppio della crisi dello spread sui paesi periferici, e quindi anche italiano, la curva si è fatta ancora più ripida. Non è una posizione ponderata di rischio, è un azzardo bello e buono, perpetrato da questa lobby di banchieri, consapevoli che tanto se tutto dovesse andare male alla fine scaricheranno la m…..sui contribuenti, come han fatto finora, o, estrema ratio, sui correntisti(come han fatto su cipro). E’ il classico castello di carte, costruito su una spiaggia di sabbia finissima, prima che arrivi la tempesta….

lucyluk
Scritto il 30 settembre 2013 at 14:35

updown@finanzaonline,

Grazie della risposta Updown! Sono d’accordissimo con te in questo post..certamente questi ladroni legittimati dalla bce non agiscono per il bene del paese…poveri noi

updown
Scritto il 30 settembre 2013 at 15:09

Questa la situazione di alcune banche in rapporto alla capitalizzazione. Giusto per farvi capire come stanno le cose….

Creval (CVAL.MI). Ha in portafoglio di 5,79 miliardi di euro, oltre 13 volte il valore della capitalizzazione e 3,8 volte il Tangible Equity (TE), vale a dire il patrimonio depurato dagli avviamenti. I bond detenuti sono 3,8 volte il TE.

Banca Papolare di Milano (PMI.MI). Ha in portafoglio 8,5 miliardi di euro di bond governativi italiani su una capitalizzazione di 1,25 miliardi di euro: il rapporto bond/TE è 3,5.

Ubi Banca (UBI.MI). Detiene 19,54 miliardi di euro obbligazioni italiane, quasi sei volte la capitalizzazione e 3,35 volte il TE.

Banco Popolare (BP.MI) Ha in portafoglio 14,4 miliardi di euro, 7,4 volte la capitalizzazione e 2,20 volte il TE.

Intesa Sanpaolo (ISP.MI) Ha in pancia 65 miliardi di governativi italiani, una cifra che vale 2,6 volte la capitalizzazione, ma solo 1,84 volte il TE.

Banca Popolare dell’Emilia Romagna (BPE.MI). Detiene 6 miliardi tondi di obbligazioni statali italiane, più di tre volte la capitalizzazione e 1,7 volte il TE.

Unicredit (UCG.MI) (UCG.MI) I bond statali italiani detenuti sono 49,3 miliardi, poco più della metà del portafoglio bond governativi. Il rapporto tra BTP e TE è 1,1.

updown
Scritto il 30 settembre 2013 at 15:14

Immagino che voi vi sentireste molto tranquilli se una vostra società fosse esposta da a 13 volte il valore in un unico strumento di investimento a rischio elevato no???? Sapete perchè a loro che non gliene frega niente e voi invece non fareste mai un azzardo del genere??? l’ho scritto stamattina nell’articolo sulle btp delle banche…perchè loro se saltano faranno pagare tutto allo stato o ai correntisti….voi invece non avreste nessuno a cui scaricare la cazzata…..

dfumagalli
Scritto il 30 settembre 2013 at 15:29

Non vi preoccupate, a breve finiamo rating C e la troika verrà giustamente a togliere la farsa (molto mal utilizzata) della sovranità nazionale.

Sistemeranno tutto loro.

Articoli dal Network di Finanza.com
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta
Giusto per comprendere come funziona il più Europa, dopo le recenti dichiarazioni Moscovici... Moscovici: "Voto italiano un rischio politico per l'Europa" "L'Italia - ha detto - si prepara ad elezioni il