Archivi categoria: analisi mercati

Scritto il alle 10:28 da [email protected]

Sappiamo tutti molto bene come la gran parte degli indici mondiali è in trend rialzista deciso da anni ormai, con solo rare eccezioni di condizione neutrale positiva(vedi Cac ad esempio). I motivi per cui gli indici di Spagna e Italia … Continua a leggere

Scritto il alle 16:16 da [email protected]

Che il nostro indice , insieme a poche altre pecore nere a livello mondiale – vedi spagna-, non abbia assolutamente beneficiato della bolla della liquidità generata dalle banche centrali a livello planetario a partire dalla primavera del 2009, sembra piuttosto evidente anche … Continua a leggere

Scritto il alle 10:54 da [email protected]

>Vi ricordate cosa avevamo scritto subito dopo il profondo gap down legato allo stacco cedola di Enel??? Leggete qui in caso vi fosse sfuggito. Bene, ora partiamo con la nostra analisi guardando un grafico a 60 minuti .Solo per gli … Continua a leggere

Scritto il alle 18:03 da [email protected]

>Basta andare a rileggersi tutti i nostri update su Unipol per capire come ne abbiamo anticipato sempre perfettamente l’andamento, sia nelle fasi di rialzo, che in quelle correttive. Il titolo da gennaio scorso, quando era in area 1,55 e ne … Continua a leggere

Scritto il alle 15:14 da [email protected]

>Lo avevamo detto in tutte le salse nei giorni scorsi, sia sui report quotidiani sui blog, chiuso e aperto, sia sugli aggiornamenti sulla nostra pagina facebook: area 15950-16000 sarà la massima estensione per un movimento classificabile come semplice rimbalzo tecnico … Continua a leggere

Scritto il alle 13:24 da [email protected]

>Era lo scorso 27 maggio quando abbiamo pubblicato l’ultimo update su Mediolanum, che potete leggere qui.Il titolo era poco in area 5,3 euro, e avevamo pronosticato un arrivo in area 4,6-4,75 come probabile livello da cui verificare la tenuta dei … Continua a leggere

Scritto il alle 09:20 da [email protected]

>Dopo 10 anni veramente D’ORO, con un rialzo davvero incredibile e praticamente senza ribassi importanti (ad eccezione del 2008: – 30% a lambire la ema a 200 weekly), in cui si è passati da area 230-250 alla bellezza di 1900 … Continua a leggere

Scritto il alle 08:57 da [email protected]

>Come si vede chiaramente dal grafico settimanale allegato, Ubi banca è in condizione ribassista di lungo periodo sin dall’autunno del 2007, quando si trovava in area 19-20 euro, condizione che da allora non è mai venuta meno, nonostante nel frattempo … Continua a leggere

Scritto il alle 10:37 da [email protected]

>Importante stacco cedola oggi per Enel, che però ha portato a un gap down deciso(complice anche l’accelerazione ribassista di venerdi nel pomeriggio, con un asta peraltro davvero terribile) a rompere l’importante fascia di supporto statica e dinamica posta in area … Continua a leggere

Scritto il alle 16:09 da [email protected]

>Era il 20 maggio scorso, poco prima dello stacco cedole imponente sul nostro listino(che ha coinvolto anche Isp), quando pubblicammo l’ultimo update sul titolo, in cui mettevano in guardia sull’importanza dei 1,47-1,51 come resistenza davvero ostica e difficile da superare … Continua a leggere

Articoli dal Network di Finanza.com
Sembrava una settimana piatta e forse persin noiosa. In realtà è stata ricchissima di spunti che spesso l'occhio del trader non ha colto. Ma l'intermarket ha colto eccome. L'azionario USA ha continuato
Per fare un quadro tecnico e ciclico sul futures Dax, presento il Battleplan Biennale che per ora sembra rispettato con buona precisione. Dovrebbe essere in partenza il sesto Intermestrale che, rispetto al MIB,
Oggi rifacciamo il punto sul lungo periodo dell'FTSEMIB, il quale ha visto partire l’ultimo Intersemestrale formato da due Intermestrali in corrispondenza della linea verticale gialla di destra, che sarebbe do
Oggi analizzeremo il mercato americano più importante, ovvero l’S&P500. Nell’immagine si nota il Battleplan del ciclo Biennale che è abbastanza fedele all’andamento dei prezzi, ad eccezione dell’u
Maggiore consumo di carburante, anomalie e perdita di potenza al motore. Sarebbero queste le più frequenti anomalie riscontrate da quasi metà degli oltre 10mila automobilisti europei che finora hanno porta