Cosa succederà ora all’Italia, dopo la condanna di Berlusconi? Nulla, la lenta agonia può continuare!!!!

Scritto il alle 13:24 da [email protected]

Non entro nel merito della condanna a 4 anni, passata in giudicato e quindi definitiva, di Berlusconi: già tanti commentatori si stanno prodigando in tal senso e ognuno di voi si sarà già fatta la sua idea, ovviamente in base allo schieramento di appartenenza in cui siamo catalogati tutti da 20 anni, ossia berlusconiani o antiberlusconiani – il bello è proprio questo,  hanno relegato noi in questo schema e ci   scanniamo su questo,  e loro sono allegramente insieme, da sempre!!!! (in ogni caso vi rimando alla pagina facebook di Updown se volete anche la mia: https://www.facebook.com/pages/Updown/148521285303675 ).

 

Vorrei invece andare oltre, anche perchè il tam tam mediatico che da giorni, settimane, tiene tutti appesi a quella che dovrebbe essere solo una normalissima vicenda giudiziaria, non ha fatto altro che distogliere l’attenzione dai problemi veri, reali del paese, che sono e rimangono li dove erano, anche dopo questa sentenza, per cui c’è davvero ben poco da festeggiare, come qualcuno invece ha fatto!!!!

 

Il paese è ostaggio del suo debito, per cui paga quasi 100 miliardi di interessi all’anno, debito che blocca di fatto qualsiasi risorsa per stimolare in qualsiasi modo  investimenti per uscire dalla stagnazione strutturale in cui si trova; abbiamo una pressione fiscale  – che è diventata oppressione, con meccanismi di controllo che assomigliano sempre più a uno stato di polizia tributaria -che ha raggiunto livelli indecenti, soprattutto poi(e questo nessuno lo dice) se pensiamo che riceviamo in cambio (e in alcune zone d’italia nemmeno li ricevono) servizi indegni di un paese civile; abbiamo una burocrazia parassitaria, corrotta, incapace, degna figlia della classe politica che l’ha partorita, con cui imprese, artigiani, commercianti, tutto l’apparato produttivo del paese, combatte quotidianamente per tirare avanti; medie e grandi imprese, in massa, quotidianamente annunciano vendite di partecipazioni o dell’intera azienda a stranieri, o licenziamenti di buona parte della forza lavoro, con spostamento degli stabilimenti dove gli stati hanno una tassazione e un costo del lavoro tali da giustificare un investimento e un rischio di impresa; e con questo scenario, che produce costantemente un impoverimento di fette sempre più grandi della popolazione, noi abbiamo il coraggio di festeggiare o di rammaricarci, a seconda dello schieramento di appartenenza, per la condanna di Berlusconi???

 

Tutti si stanno chiedendo in queste ore cosa succederà dopo questa condanna: statene certi, non accadrà un bel nulla. La lenta agonia del paese potrà continuare imperterrita. A Berlusconi certo non conviene, al di  là dei proclami, far cadere questo governo, che da a lui le migliori garanzie di protezione che possa immaginare, ovviamente sempre andando avanti “per il bene del Paese”, sia chiaro. A questo centrosinistra, completamente spaccato e dilaniato dai conflitti interni, certamente non conviene presentarsi alle urne senza prima aver risolto almeno in parte queste diatribe, scegliendo al tempo stesso un leader in grado di affrontare e vincere la prossima campagna elettorale. All’Europa cambiare lo status quo certo non conviene, perchè con l’attuale governo,  guidato dal nipote di Gianni Letta, c’è la migliore garanzia che in caso di necessità tutte le misure, anche le più drastiche, per attaccare i patrimoni e risparmi degli italiani, saranno a completa disposizione, per salvare sempre e comunque le banche amiche e gli investitori stranieri.

E agonia continui ad essere dunque. Questo è il vero paradosso di questi giorni: siamo in una crisi sistemica strutturale devastante e senza fine, che sta distruggendo lentamente l’ossatura produttiva, industriale ed economica del paese, e qualcuno ha il coraggio di festeggiare la condanna di Berlusconi, come se d’incanto, togliendo lui di mezzo(ammesso poi che possa mai essere cosi), tutti i problemi del paese fossero risolti in un attimo!!!!

 

 

VN:F [1.9.20_1166]
Rating: 9.0/10 (3 votes cast)
Cosa succederà ora all'Italia, dopo la condanna di Berlusconi? Nulla, la lenta agonia può continuare!!!!, 9.0 out of 10 based on 3 ratings
Nessun commento Commenta

Articoli dal Network di Finanza.com
Tutti con l’attenzione rivolta al differenziale di rendimento 10y-2y. Altri invece preferiscono affidarsi al 10y-3m. Altri ancora quasi in “stile Barbell” monitorano con attenzione il 30y-3m. Ok, facc
Un weekend all'insegna del plastic free con centinaia di eventi previsti in tutta Italia, dalla Liguria alla Sicilia, per la prima Giornata Nazionale dell'Appennino, che si celebra sabato 15 e domenica 16 gi
America first again. A qualunque costo, con qualunque mezzo. E noi siamo più grandi e potenti degli altri e quindi possiamo permetterci di fare la voce grossa nei confronti di tutti. Queste parole un po
Ftse Mib: l'indice italiano è riuscito a superare il ritracciamento di Fibonacci del 38,2% a 20.471 punti di tutto l'uptrend avviato a dicembre 2018. Il prossimo obiettivo di breve sono i 20.700 punti. Con il b
Fra il rapporto annuale sullo Stato Sociale fatto dall’Università la Sapienza il 29 maggio scorso e prima di quello sulla Sanità Integrativa del Welfare day e Censis del 13 giugno corrente, si incastra la re